Home | L'intervista | Giancarlo e Luciana a riposo dopo una vita in trattoria
Banca della Provincia di Macerata
Luciana e Giancarlo
Luciana e Giancarlo

Giancarlo e Luciana a riposo dopo una vita in trattoria

“Dopo 50 anni di onorata carriera la trattoria Gian chiude per meritato riposo. Un sincero ringraziamento a tutti gli amici e clienti che ci hanno mostrato fiducia in tutto questo tempo!!! Giancarlo e Luciana”. 

Con questo messaggio, impresso su un manifesto che li ritraeva assieme al loro bel cane, Giancarlo Bernabei e sua moglie Luciana Antonelli sono andati in pensione chiudendo uno dei locali storici di San Severino: appunto, la trattoria – pizzeria Gian, in viale Mazzini.

“Abbiamo cominciato a lavorare in questo settore cinquant’anni fa – ci raccontano – e lo abbiamo fatto sempre insieme. Ci siamo sposati nel ’69 e a Torino gestivamo una pizzeria. Dopo qualche anno siamo tornati qui per aprire ‘La bettola’: era proprio davanti al cinema Italia, dove un tempo c’era la Trattoria del Cacciatore. Infine, nel 1986 abbiamo avviato Gian vicino alla stazione e da lì non ci siamo più spostati… Sono passati più di trent’anni, abbiamo incontrato e conosciuto molta gente, tanti ragazzi – ormai più o meno grandi – e conserviamo bei ricordi. Ora è giunto il momento di un ‘meritato riposo’, come abbiamo scritto nel salutare amici e clienti”.

Parlando della loro lunga esperienza “dietro ai fornelli”, Giancarlo e Luciana ricordano i loro crostini in agrodolce alla maceratese (elaborati secondo una ricetta molto particolare) e quei vincisgrassi bianchi alla maceratese (con tartufo e prosciutto crudo) che tanto piacevano ai buongustai che frequentavano la loro trattoria. E poi scopriamo il bel gesto di generosità che hanno compiuto nel momento di cessare l’attività.

Si tratta di una consistente donazione in favore dell’Oratorio interparrocchiale Don Orione, oggi alloggiato in una struttura prefabbricata posta all’interno del campetto ex Artigianelli.

In pratica Gian ha regalato la lavastoviglie del locale, i piatti da pizza, i bicchieri, le tovaglie e tanto altro materiale da cucina e da tavola che può tornare utile alla struttura per le continue iniziative di comunità (cene, merende, feste di compleanno…). Tant’è che l’Oratorio e l’intera comunità colgono l’occasione per ringraziare pubblicamente i coniugi Giancarlo e Luciana per il bel pensiero avuto a beneficio delle famiglie che animano la vita parrocchiale e i tanti ragazzi e ragazze settempedane che vedono nell’oratorio un luogo per ritrovarsi e divertirsi stando insieme.

 

Santo Stefano Riabilitazione