Home | Economia | Comune: scade l’acconto dell’Imu. Posticipata la “Tasi”
Euro Net San Severino Marche
Tributi sospesi
Tributi sospesi

Comune: scade l’acconto dell’Imu. Posticipata la “Tasi”

L’ufficio Tributi del Comune ricorda le scadenze riguardanti l’Imu e la Tari e comunica il rinvio dell’acconto Tasi, posticipato al 16 ottobre come stabilito dal Decreto legge del 6 giugno 2014. Il Consiglio comunale, entro il termine del 31 luglio, approverà aliquote e regolamento per quanto riguarda quest’ultimo tributo che non prevede nessun pagamento, dunque, nel corrente mese di giugno.

Per quanto riguarda l’Imu si ricorda che è dovuto l’acconto entro il 16 giugno nella misura del 50% applicando le aliquote in vigore lo scorso anno 2013. Tali aliquote sono consultabili nel sito istituzionale www.comune.sanseverinomarche.mc.it.

L’Imu nel corrente anno 2014 non è dovuta per le seguenti tipologie di immobili: abitazione principale e pertinenze della stessa (ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 per le quali spetta la detrazione di € 200); unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che a stessa non risulti locata; unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari; fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal Decreto del Ministro delle Infrastrutture 22/4/2008, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 146 del 24/6/2008; casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio; unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle forze armate e alle forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente dalle forze di polizia a ordinamento civile, nonché dal personale del corpo nazionale dei vigili del fuoco, e, fatto salvo quanto previsto dall’art. 28, comma 1, del D. Lgs. n. 139/2000, dal personale appartenente alla carriera prefettizia, e per il quale non sono richieste le condizioni di dimora abituale e della residenza anagrafica; fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati; fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all’art. 9, comma 3-bis, D.L. 30/12/1993, n. 557, convertito dalla L. 26/2/1994, n. 133; terreni agricoli in quanto l’intero territorio comunale rientra in zona montana, in attesa della nuova ridefinizione delle località rientranti in zone montane.

Il saldo, in scadenza il 16 dicembre, dovrà essere effettuato tenendo conto delle aliquote per l’anno in corso che saranno deliberate entro il 31 luglio.

Per quanto riguarda, infine, la Tari, ovvero la tassa sui rifiuti, saranno recapitati a domicilio, come per gli anni precedenti, gli avvisi di pagamento a mezzo posta ordinaria. In attesa delle nuove tariffe, viene richiesto un acconto pari al 60% dell’importo calcolato con le tariffe dell’anno scorso, da pagarsi in due rate scadenti il 31 luglio e 30 settembre.

Centro Medico Blu Gallery