Home | Cronaca | Dall’Argentina a S. Severino sulle tracce del bisnonno
Euro Net San Severino Marche
Ostilio Beni con l'ospite argentino
Ostilio Beni con l'ospite argentino

Dall’Argentina a S. Severino sulle tracce del bisnonno

E’ arrivato fino a San Severino dalla lontana città di Rosario, in Argentina, per cercare notizie del suo bisnonno. Juan José Borrell Marinelli è solo uno dei tanti che, ogni giorno, si mettono sulle tracce dei proprie antenati, cittadini nati in Italia e poi trasferitisi all’estero per scappare alla crisi. Figli di una storia che si ripete, vanno alla ricerca di cugini, zii, nonni e parenti ancor più lontani. Juan José Borrell Marinelli, docente presso l’Universidad Nacional de Rosario e rappresentante dello stesso Ateneo presso la Fao con contatti di lavoro anche con l’Università degli Studi di Camerino, all’Anagrafe settempedana ci è arrivato con in mano la copia di un diploma d’onore della Direccion Nacional de Migraciones della Republica Argentina, datato ottobre 1976, e con una data: 10 maggio 1977, giorno della scomparsa del suo amato bisnonno. “Come recita il diploma – ricostruisce il giovane professore che oggi si occupa di sicurezza alimentare – questo mio parente lavorò per cinquant’anni come fattore tanto da meritare il riconoscimento del Ministerio del Interior ma anche della Sociedad Italiana de Mutuos Socorros de Carcarana, il paese presso Rosario, nel sud della provincia di Santa Fé, dove egli viveva”.

Ad accogliere a San Severino il giovane discendente di una famiglia, i Marinelli, particolarmente numerosa un tempo, è stato il presidente del Consiglio comunale, Ostilio Beni: “Tanti italiani in passato sono stati costretti ad emigrare in cerca di lavoro. Oggi i loro discendenti sono impegnati in una ricerca che ha qualcosa di veramente straordinario e è segnata da un legame con il nostro Paese profondissimo”. La breve visita a San Severino Marche si è conclusa con qualche notizia in più, tanta commozione e un ricordo che, negli occhi e nel cuore di Juan José Borrell Marinelli, probabilmente rimarrà per sempre.

Centro Medico Blu Gallery