Home | Cronaca | Coronavirus, solidarietà all’Italia dai piccoli amici ugandesi
Euro Net San Severino Marche
Il saluto dall'Africa
Il saluto dall'Africa

Coronavirus, solidarietà all’Italia dai piccoli amici ugandesi

Si sono invertite le parti. Quante volte, anche nel recente passato, gli abitanti di San Severino si sono prodigati per migliorare la situazione in luoghi lontani nel continente africano? Si pensi al viaggio dei volontari settempedani dell’Associazione “Sorrisi per l’’Etiopia” che alcune settimane fa si sono recati in missione umanitaria per l’inaugurazione della sesta aula nella scuola di Lenda, soltanto l’ultima delle opere realizzate in Etiopia.

Una lunga lista di buone azioni: realizzazione di pozzi, innalzamento di recinzioni protettive dagli animali selvaggi, in particolare le iene, per i tessuti urbani locali, 20 letti ospedalieri donati alla clinica di Kenafa, punto di riferimento di diversi villaggi isolati; ed ancora, per restare alla scuola intitolata ai ragazzi Luca, Alessio e Cristina che scomparvero prematuramente alcuni anni fa in un incidente stradale alle porte di San Severino, la conferma dell’impegno economico per gli insegnanti (50 euro al mese ciascuno) e per un pasto giornaliero a tutti gli alunni e gli operatori, con tanto di rinnovo di 500 divise per i volenterosi studenti locali.

Dal mondo della scuola del continente africano a quello di San Severino il passo è breve e la filosofia non cambia.

Stavolta i protagonisti sono coloro che frequentano il Comprensivo “Tacchi Venturi” e il Sermit, Servizio missionario di Tolentino. Da diversi anni la scuola settempedana si è impegnata nelle adozioni a distanza di cui hanno beneficiato sia piccoli indiani che ugandesi. Il già dirigente Sandro Luciani ha constatato di persona l’accoglienza dei ragazzini e delle famiglie africane che hanno beneficiato degli aiuti settempedani ed ora ecco la splendida sorpresa. Come accaduto in occasione del terremoto del 2016, quando giunse un messaggio inneggiante all’immediata ripresa, i piccoli alunni africani, in occasione dell’emergenza Coronavirus, hanno recapitato una foto in compagnia delle suore e con l’incitamento agli amici italiani a non mollare, corredato da affettuosi cuoricini. Entrambi graditi.

Lu.Mus.

Centro Medico Blu Gallery