Home | Sport | Calcetto, Serralta sugli scudi: battuto il Villa Musone (4-3)
Euro Net San Severino Marche
Leonardo Bonci
Leonardo Bonci, autore di una doppietta

Calcetto, Serralta sugli scudi: battuto il Villa Musone (4-3)

Importantissima vittoria per il Serralta che si avvicina alla zona salvezza accorciando ancora la distanza dalle dirette avversarie grazie anche ai risultati di giornata per lo più favorevoli. Il merito, tuttavia, è tutto dei gialloblù che hanno riconfermato l’ottimo momento psicofisico e il rendimento casalingo (terza vittoria interna nel 2020) superando il Villa Musone, squadra che li sopravanzava di quattro lunghezze. Vittoria della volontà, della voglia di centrare un altro bottino pieno, del gruppo e della convinzione nei propri mezzi che, gara dopo gara, sta aumentando e in campo tutto ciò si nota. Il match finisce con la rimonta del Serralta e con il definitivo sorpasso nel finale con la squadra di casa sospinta da un Bonci in vena (doppietta) e dai suoi compagni che hanno giocato al meglio, soprattutto nel secondo tempo. La classifica ora sorride un po’ di più ai settempedani che vedono a quattro punti la salvezza diretta e nel prossimo turno altro scontro fondamentale in trasferta contro il Montecarotto (21 punti).

La cronaca

Un Serralta in serie positiva vuole proseguire la marcia per cercare di avvicinare la quota salvezza e l’occasione è propizia e da non fallire dato che l’avversario di turno è quel Villa Musone che stazione quattro punti più avanti. Il fattore campo può aiutare anche perché i gialloblù in questo girone di ritorno in casa sono stati infallibili. Pronti via e Vignati deve impegnarsi su tentativo di Accattoli. La replica del Serralta è affidata ad uno schema: Dialuce batte una punizione dalla sinistra che libera Liuti al tiro di prima intenzione con palla a scheggiare la traversa. Poco dopo lo stesso capitan Liuti parte in contropiede per poi concludere in diagonale con Nardi che davanti alla porta tocca con il petto ma la sfera finisce in pratica addosso al portiere. Papa su punizione chiama all’intervento in tuffo Vignati che poi vede sfilare sul fondo un tentativo in mischia di Togni. E’ Salvi a spingere i suoi in avanti con una incursione centrale con tiro fermato dal portiere, poi ci prova Liuti trovando ancora Torriani che pochi secondi dopo si ripete sempre su Liuti che, dopo uno scambio con Bonci, scarica il destro sotto la traversa trovando il “miracolo” dell’estremo avversario. Incredibile l’occasione che il Serralta non concretizza poco prima dell’intervallo. Dignani lavora un ottimo pallone sul fondo sinistra per poi girarsi e mettere un rasoterra davanti alla porta dove Bonci sembra in grado di appoggiare comodamente e, invece, il tocco del numero 11 è impreciso e sfila sul fondo. 0-0 a metà gara a testimonianza dell’equilibrio tra le due compagini, di un match molto tattico e del fatto che l’alta posta in palio abbia un po’ frenato i protagonisti. L’inizio di ripresa mostra un Villa Musone più intraprendente con Censori protagonista: prima colpisce un clamoroso palo interno, poi serve un comodo pallone a Magnaterra che sblocca il risultato con un piatto da pochi passi. Una bella parata di Vignati sul capitano ospite, apre un periodo in cui il Serralta crea molto. Pellegrini calcia dalla destra un pallone che Nardi tocca con il corpo nei pressi della linea di porta non riuscendo però a spingerlo nel sacco. Salvi viene fermato dal portiere con la palla che giunge a Liuti che però non riesce a gestirla al meglio per poter concludere. Ancora Salvi liberatosi davanti a Torriani cerca di superare il portiere rivale ma quest’ultimo chiude bene lo specchio. Al 13’ ecco il meritato pari dei locali. Fa tutto Bonci che scatta centralmente per poi concludere rasoterra con Torriani che diventa complice dell’1-1 con un intervento incerto e poco efficace. I gialloblù insistono. Bonci fugge in velocità sulla destra e cerca Salvi sul secondo palo ma il portiere tocca quel tanto che basta per alzare il pallone che scavalca Salvi pronto ad insaccare in scivolata. Il numero 10 gialloblù ci prova ancora ma Torriani para. Vignati diventa protagonista decisivo nel giro di pochissimi secondi. Il numero uno del Serralta compie due ottime parate in rapida successione e subito dopo la seconda si rialza da terra e lancia con le mani trovando l’assist per Bonci che da destra scarica in corsa un preciso fendente sotto la traversa. Serralta in vantaggio al minuto 21. Passano appena due minuti e il Villa Musone impatta. Vignati esce sui piedi di Togni deviando la palla che resta però giocabile per il numero 25 ospite che non ha difficoltà a centrare il bersaglio. Episodio determinante al 25’ quando Guazzaroni, capitano ospite, perde la testa commettendo un fallo violento per poi protestare. Cartellino giallo e poi rosso. Villa Musone con l’uomo in meno e Serralta spietato e bravo ad approfittarne immediatamente. Azione manovrata conclusa da Salvi che trova un destro preciso che si insacca a fil di palo. 3-2. Ristabilita la parità numerica (come da regolamento) gli ospiti tentano il tutto per tutto con il portiere di movimento. Scelta tattica suicida perché Dialuce punisce gli avversari inventandosi una prodezza. Sinistro di prima intenzione dalla propria metà campo che risulta preciso e perfetto tanto da entrare nella porta vuota. 4-2 quando resta da giocare il recupero. Il Villa Musone attacca trovando anche il gol con Accattoli ma serve solo per decretare il risultato finale perché non c’è più tempo con il fischio dell’arbitro che dà la fine del match con il Serralta che festeggia un successo fondamentale.

FORMAZIONE: Vignati, Dialuce, Liuti, Pellegrini, Nardi, Salvi, Bonci, Dignani, Piccinini, Paciaroni, Cicconi, Schiavoni. All. Sileoni

Roberto Pellegrino

Centro Medico Blu Gallery