Home | Economia | Violino, stelle cadenti e spuntino nella notte di San Lorenzo
Banca della Provincia di Macerata
La locandina dell'evento
La locandina dell'evento

Violino, stelle cadenti e spuntino nella notte di San Lorenzo

Il suono del violino, le stelle cadenti e uno spuntino di mezzanotte nel cuore di un bellissimo uliveto. Sono gli ingredienti di una “pozione magica” che renderanno fantastica, unica, la notte più romantica dell’anno, quella di San Lorenzo.

L’originale iniziativa si tiene, appunto, venerdì 10 agosto nell’azienda di Cinzia Anibaldi in un grande uliveto che si trova nei pressi della frazione dei Biagi, a pochi chilometri da San Severino. E a organizzarla, nel dettaglio, è la start up innovativa nata da un’idea del maceratese Giacomo Andreani, conosciuto forse ai più per essere stato a lungo il presidente del club di tifosi, “Lube nel cuore”.

“Cominciamo dal violinista – spiega Giacomo – perché sarà con noi un talento eccezionale, le sue note ci rapiranno. Parliamo di Valentino Alessandrini, marchigiano d’origine, 24 anni, sempre in giro per il mondo per tenere concerti importanti. Ma è la prima volta che si esibisce sulla sommità di un colle, un posto straordinario, illuminato solo dalla luna. L’archetto del suo violino comincerà a suonare a mezzanotte e mezza, andando a oltranza fino alle 2 di notte. Un tempo dedicato alla sua musica, alle stelle e ai desideri dei partecipanti”.

“Saremo in mezzo a un uliveto da favola – aggiunge Andreani -, quello di Cinzia Anibaldi; alle 23 circa inizierà la serata con un buffet a base di prodotti tipici: ci saranno quelli dell’azienda ospitante, i salumi e altro della Fattoria di Francesco Fucili e i vini della Cantina degli Anibaldi. Terminata la degustazione, risaliremo il colle lungo un viale illuminato da lumini; neppure una decina di minuti a piedi e saremo in cima per ‘mirar le stelle’ ascoltando musica moderna arrangiata in chiave classica”.

Insomma, un “Sogno di una notte d’estate”, come è stata chiamata l’iniziativa.

“Lo scopo della start up ‘Expirit’ – spiega Giacomo Andreani – è quello di sviluppare progetti e proposte che diano valore ad aree rurali meno conosciute dell’Italia, a cominciare ora dalle Marche e dal territorio ferito dal terremoto. Aree ricche di aziende che vantano prodotti tipici di grande qualità, legati sia all’agricoltura sia all’artigianato, e che meritano di essere valorizzati. Expirit è un po’ l’acronimo di quanto vogliamo fare: coniugare l’esperienza, lo spirito dei nostri imprenditori con l’italianità che loro rappresentano per tirar fuori, far emergere (ecco l’ex ripreso dal latino) l’Italia autentica”.

Chi volesse partecipare alla serata può contattare il 340.8796974 di Giacomo Andreani per ogni informazione.

 

Santo Stefano Riabilitazione