Home | Cultura | Serrapetrona: Libri d’artista alla Fondazione Claudi
Banca della Provincia di Macerata
Libri d'artista a Palazzo Claudi di Serrapetrona
Libri d'artista a Palazzo Claudi di Serrapetrona

Serrapetrona: Libri d’artista alla Fondazione Claudi

Serrapetrona, oltre ad essere uno dei borghi più affascinanti del nostro territorio, ospita anche la Fondazione Claudi. Fondata nel 1999 da Vittorio Claudi (medico, inventore e perfezionatore di apparecchiature sanitarie), con lo scopo di onorare la memoria del fratello Claudio (poeta e filosofo) e della madre Anna Claudi (pittrice). La fondazione è un bacino di memorie. Al suo interno, è ricostruita la storia dei Claudi, grazie ad una ben curata esposizione di pannelli, schede e foto che illustrano le vicende dei personaggi della famiglia: il “capostipite” Adolfo Claudi (1889-1964), partito volontario al primo conflitto mondiale, geometra e farmacista, inventore del vaporizzatore “Χαιρε” (un prototipo di aerosol); Anna Pioli in Claudi (1894-1976), moglie di Adolfo, pittrice naïf incline alla realizzazione di ritratti, paesaggi e decorazioni parietali; il figlio, Claudio Claudi (1914-1972), poeta e filosofo, frequentatore degli ambienti culturali di Firenze e Roma; Dina Claudi (1915-1992), artista come la madre, ma dedita all’arte della scultura; infine Vittorio Claudi (1920-2006), il brillante uomo di medicina sopra descritto.
Ma la Fondazione non si occupa soltanto di conservare la memoria dei Claudi. È aperta al mondo della cultura in generale, organizzando, periodicamente, una serie di manifestazioni di rilievo: dai seminari-laboratori, come Corpo a Corpo (Roma, 2007) e I Sabati dello Scriptorium (Università La Sapienza, Roma, dal 2010), al teatro di poesia, come L’amore non è un sentimento con Iaia Forte e Flavio Bucci (2008), ed eventi musicali. Molte sono le attività incentrate sull’arte, come la realizzazione di varie mostre (in Italia e all’estero) volte alla valorizzazione delle opere di Anna Claudi e altre dedicate ai libri d’artista incentrati sulla poetica di Claudio Claudi, con la collaborazione di varie Accademie di Belle Arti estere.

In un piccolo borgo della provincia una vocazione culturale internazionale: un tentativo di portare il locale a globale, e viceversa.

Questa apertura nei confronti dell’estero e l’occhio di riguardo nei confronti dei libri d’artista hanno fatto sì che si realizzasse l’ultimo evento presente in Fondazione: Mostra internazionale Libri d’artista “RM – LA / CONTEXTS — Opere e Dialoghi ROMA – LOS ANGELES”.

La mostra, curata da Stefania Severi, nasce da un’idea di Raffaella Lupi (con l’ausilio degli artisti Lydia Predominato e John David O’Brien), responsabile della galleria romana Sinopia. La Lupi, da sempre interessata ai libri d’artista, ha deciso di organizzare questa mostra interamente incentrata su questo tema, avvalendosi del coordinamento della già citata Stefania Severi, la quale ha maturato una lunga esperienza in questo ambito.

Ma che cos’è il “libro d’artista”? Una delle più “recenti” forme d’espressione artistiche: frutto delle Avanguardie artistiche del Novecento, esso costituisce una nuova concezione del libro. Non più pagine da leggere o studiare, ma una oggetto a sé, una pura manifestazione artistica che fa interagire pittura, scultura e collage. Tali opere evocano l’idea del libro, ma non hanno più la sua sostanza né la sua funzione. In questa mostra ogni artista, con mezzi e materiali differenti, ha dato forma al proprio originale “libro”. Il viaggio è lungo e variegato: troviamo le Pagine Aperte di Vito Capone, un libro fatto di carta riciclata e scolpita; le rielaborazioni grafiche al computer che compongono il libro di Francesca Cataldi, Luci dal Paradiso di Dante; il libro antico di Justin Randolph Thompson, attanagliato da morsetti e ferro, dal titolo Ficcarsi il cotone nelle orecchie ed infine voliamo nel passato (1970), grazie a Sante Monachesi, con un libro di cartone e gommapiuma, manifestazione della sua “arte senza peso”.

Anche tutti gli altri partecipanti hanno prodotto lavori originali: i già citati John David O’Brien e Lydia Predominato, Mary Addison Hackett, Riccardo Ajossa, Fiorella Corsi, Marzia Corteggiani, Daniela Costanzo Giorgio, Steve DeGroodt, Nancy Monk, Lucia Pagliuca, Steve Roden, Virginia Ryan, Susan Sironi, Maria Grazia Tata, Joan Weinzettle e Laura Selmistrayte (il libro di quest’ultima, realizzato presso il Centro Kaus di Urbino, sotto la guida di Giuliano Santini, è ispirato ai versi del poeta Claudio Claudi, a seguito di un progetto promosso dalla Fondazione stessa). Ognuno ha dato il meglio di sé, mostrando originalità e padronanza tecnica, cercando di comunicare con il pubblico attraverso i propri lavori. In generale, un’esposizione di libri d’artista è sempre un impegno difficile, una scelta audace perché non è la classica tela o scultura che tutti riconoscono. Ma ciò non ne impedisce il continuo manifestarsi, dato che anche molti artisti di fama internazionale si sono cimentati e continuano a cimentarsi in questa forma espressiva, come il tedesco Anselm Kiefer, autore di vari libri d’artista realizzati con materie e tecniche eterogenee (dalla carta al piombo). La scelta di ospitare questa mostra fa guadagnare alla Fondazione Claudi punti sul versante della varietà culturale delle sue iniziative.

Silvio Gobbi

Informazioni
Mostra internazionale di libri d’artista: RM – LA / CONTESTI – CONTEXTS – Opere e Dialoghi ROMA – LOS ANGELES
Serrapetrona, Palazzo Claudi, via Rave 7
Dal 23 giugno al 16 settembre 2018
Orario: sabato e domenica h. 15.30-19.30. Per altri orari, su prenotazione al numero 3394800381.

Santo Stefano Riabilitazione