Home | Teatri di Sanseverino | Teatri antichi: il 23 luglio “Iliade” nelle terme di Septempeda
Banca della Provincia di Macerata
Immagine d'archivio di una passata edizione di "Tau" a San Severino
Immagine d'archivio di una passata edizione di "Tau" a San Severino

Teatri antichi: il 23 luglio “Iliade” nelle terme di Septempeda

La 20^ stagione di Tau, la rassegna dei Teatri antichi uniti che Amat, Mibact e Soprintendenza propongono d’intesa con il Comune e i Teatri di Sanseverino, torna ad essere ospitata per una delle serate del ricco cartellone dell’edizione 2018 nella suggestiva cornice delle terme romane, all’interno del parco archeologico di Septempeda. E’ qui che lunedì 23 luglio verrà portato in scena lo spettacolo “Iliade”, nato da un’idea del direttore artistico dei Teatri settempedani, Francesco Rapaccioni.

L’evento è stato ufficializzato in occasione della conferenza stampa di presentazione del nuovo cartellone dei Teatri antichi uniti che da fine giugno a metà agosto prevede ben 23 date in tutte le Marche.

“L’Iliade è la prima “storia” narrata, la vicenda emblematica di tutte le faccende umane, precedenti e successive, il romanzo che fa il punto, una volta per tutte, su sentimenti e accadimenti dell’umanità. L’Iliade è storia di guerra e di pace prima di Tolstoj, storia di amore e di amicizia prima del Romanticismo, storia di politica e di società prima del Novecento, storia di coraggio, onore e valore prima del contemporaneo. È la storia di un viaggio nello spazio e nel cuore, una storia della memoria, individuale e collettiva, che analizza, sotto la lente d’ingrandimento, l’animo dell’uomo e i suoi sentimenti. Una storia che ha contribuito in maniera fondamentale a creare l’identità dell’uomo contemporaneo. Oggi più che mai – spiega Francesco Rapaccioni, ideatore dello spettacolo dedicato al poema di Omero – ci sembra necessario riascoltare quella storia e sottolineare i valori che ne stanno alla base, in senso inclusivo e in un’ottica di civile e pacifica convivenza”.

Dopo avere presentato, negli anni scorsi, i testi di Seneca e i poeti d’amore delle letterature greca e latina, quest’anno i Teatri di Sanseverino mettono in cartellone quella che è una versione ridotta e per frammenti di Iliade, ripercorrendo a grandi linee la trama e i momenti più noti e significativi, contaminando il testo omerico con minime glosse di autori successivi. A leggere il testo saranno i lettori dell’associazione Sognalibro, le pause musicali saranno curate da giovani e bravi musicisti di San Severino: Filippo Boldrini al violoncello, Riccardo Brandi al clarinetto, Simone Montecchia al fagotto e Paolo Moscatelli al violino. La rappresentazione sarà anche un’occasione unica per aprire un luogo estremamente suggestivo come le Terme della città romana di Septempeda, uno dei sette parchi archeologici della regione Marche, recentemente oggetto di approfondite indagini della Soprintendenza che hanno rivelato risultati sorprendenti.

In programma anche visite guidate a cura della Pro loco e aperitivo offerto dal Comitato del Rione Settempeda.

Santo Stefano Riabilitazione