Home | Cultura | Omaggio di Gregoretti e Copelli allo scenografo Scarfiotti
Banca della Provincia di Macerata
Emanuele Scarfiotti interviene alla serata romana nel Circolo Tennis Parioli
Emanuele Scarfiotti interviene alla serata romana nel Circolo Tennis Parioli

Omaggio di Gregoretti e Copelli allo scenografo Scarfiotti

“Perduto in un mondo del quale non chiedo far parte, siedo da solo in contatto con il mio cuore. Soddisfatto del mio piccolo angolo di terra, lieto di essere venuto, non infelice di andarmene”.

Sono versi scritti da Ferdinando Scarfiotti nel ’73 durante un viaggio in Nepal: una poesia che la sorella maggiore Giovanna ha letto in occasione di una bella iniziativa promossa a Roma nel ricordo del grande scenografo maceratese. Era presente anche il fratello minore Emanuele. La manifestazione, svoltasi al Tennis Club Parioli, è nata da un’idea di Luciano Gregoretti e Maria Teresa Copelli
per celebrare l’arte di Ferdinando Scarfiotti nel trentennale della sua premiazione (1988) con l’Oscar negli Stati Uniti, nonché con il David di Donatello e il Nastro d’Argento in Italia, per il film di Bernardo Bertolucci “L’Ultimo imperatore”, del quale lui firmò la scenografia.

Come noto, Scarfiotti nacque nel ’41 a Potenza Picena e, dopo gli anni della giovinezza a Porto Recanati, si trasferì prima a Roma e poi a Los Angeles dove morì a soli 53 anni. La sua fu una carriera brillante – come raccontano nel libro d’arte “Nando forever” gli autori Gregoretti e Copelli – tanto che lavorò con registi di fama internazionale come Zeffirelli, Schlensiger, De Palma, Levinson e ovviamente Bertolucci con cui ebbe un’intensa collaborazione. Alla serata romana in suo omaggio sono intervenuti, fra gli altri, il professor Mario Giannella, già rettore dell’università di Camerino, l’attrice e doppiatrice Alida Cappellini, la costumista Gabriella Pescucci (premiata con due Oscar), Dino Trappetti, presidente della “Tirelli costumi”: tutti amici ed estimatori di Ferdinando Scarfiotti. Molti i momenti emozionanti in memoria di Nando, visionario e raffinato artista: merito di Luciano Gregoretti e della moglie Maria Teresa Copelli che hanno curato la serata nei minimi dettagli.

Santo Stefano Riabilitazione