Home | L'intervista | Vincenza e Fabio portano un soffio di speranza in Etiopia
Euro Net San Severino Marche

Vincenza e Fabio portano un soffio di speranza in Etiopia

Vincenza e Fabio Scuriatti hanno fatto un nuovo viaggio in Etiopia. I coniugi settempedani, accompagnati da un gruppo di amici e volontari, guidati da padre Gianni Pioli, hanno portato non solo sorrisi, ma anche risorse economiche e una grande quantità di aiuti umanitari destinati a sostenere i progetti che l’associazione “Sorrisi per l’Etiopia” sta sviluppando da anni in quel Paese nel ricordo di Alessio, Luca e Cristina.

Fabio, Vincenza… Com’è andata la spedizione 2018?

“Bene, avevamo rallentato un po’ le nostre attività dopo il terremoto, ma grazie alla straordinaria generosità della cittadinanza settempedana e al sostegno di molte aziende locali siamo riusciti a ripartire alla grande…”.

Come indirizzate questa solidarietà?

“Innanzi tutto a Lenda abbiamo una scuola da mandare avanti. L’abbiamo realizzata noi e ogni giorno accoglie 450 bambini della zona. Con questo viaggio abbiamo confermato l’impegno economico per gli insegnanti (il cui stipendio lo paga l’Associazione Sorrisi; ndr) e per un pasto-mensa giornaliero a tutti gli alunni e gli operatori; abbiamo anche rinnovato le divise (500) e programmato la costruzione di una nuova aula didattica”.

Poi?

“Poi c’è l’attenzione verso l’ospedale di Kenafa, punto di riferimento sanitario per circa 80 mila persone. Qui abbiamo consegnato medicine e latte in polvere; scarpe, vestiti e cappelli: quest’ultimi nuovi nel novanta per cento dei casi, grazie alle donazioni di tanti privati e ditte”.

Cos’altro avete fatto?

“Quando andiamo lì, pur restando per parecchi giorni, dobbiamo fare molte cose. Siamo stati a far visita alla comunità dei non vedenti, alla quale abbiamo consegnato un’offerta del Rotary Club di Tolentino giunta grazie all’interessamento della nostra concittadina Maria Teresa Cristini. Poi ci siamo recati alla Casa famiglia che ospita una ventina di ragazze e che l’Associazione sostiene da tempo; quindi abbiamo riproposto il progetto di donare una coppia di pecore alle famiglie più bisognose di alcuni villaggi: quest’anno abbiamo potuto aiutare otto nuclei familiari. Infine, abbiamo visitato – per la prima volta – anche il penitenziario di Soddo, dove sono detenute circa 1.700 persone”.

Insomma, un grande impegno…

“Cerchiamo solo di portare un soffio di speranza a una popolazione che vuole migliorare la propria condizione di vita. Il sorriso che ti regalano i bambini che incontri ti ripaga di ogni sforzo compiuto. Come sempre, siamo stati anche a trovare alcune comunità che ormai conosciamo bene: abbiamo distribuito 3 mila panini, 5 mila confezioni di biscotti, parlato con tanta gente e incontrato tutti quei ragazzi e ragazze che molti di noi hanno, di fatto, adottato a distanza. E’ un’esperienza unica, non riesci più a dimenticare la gioia nei loro occhi, l’entusiasmo con cui ti accolgono, la forza con cui ti abbracciano”.

Durante il viaggio, il gruppo dell’Associazione “Sorrisi per l’Etiopia” – una quindicina in tutto, non solo di San Severino – ha avuto modo di rivedere pure il missionario settempedano padre Gino Binanti, che da molti anni opera in questo Paese dell’Africa.

Centro Medico Blu Gallery