Home | Attualità | “Politiche”: ecco gli eletti delle Marche per Camera e Senato
Banca della Provincia di Macerata
Le urne del 4 marzo
Le urne del 4 marzo

“Politiche”: ecco gli eletti delle Marche per Camera e Senato

Valanga 5 Stelle nelle Marche: il movimento conquista tutti i collegi alla Camera e al Senato. Con un’eccezione: quello di Macerata alla Camera (in cui era compreso anche il Comune di San Severino), finito in mano a Tullio Patassini della Lega.

I grillini fanno il pieno anche al proporzionale. Ecco l’elenco degli eletti per le Marche:

Senato

Movimento 5 Stelle
Sergio Romagnoli
Donatella Agostinelli
Giorgio Fede
Mauro Coltorti

Partito Democratico
Francesco Verducci

Forza Italia
Andrea Cangini

Lega
Giuliano Pazzaglini

Camera

Movimento 5 Stelle
Patrizia Terzoni
Roberto Cataldi
Mirella Emiliozzi
Maurizio Cattoi
Andrea Cecconi
Roberto Rossini
Martina Parisse
Rachele Silvestri
Paolo Giuliodori

Partito Democratico
Alessia Morani
Mauro Morgoni

Forza Italia
Marcello Fiori
Simone Baldelli

Lega
Tullio Patassini
Luca Paolini
Giorgia Latini

Fratelli d’Italia

(Aggiornamento). Anche Francesco Acquaroli viene eletto alla Camera. Il sindaco di Potenza Picena, candidato nel listino plurinominale FdI, ha potuto esultare solo nella notte, in quanto il riparto dei seggi è stato fatto su base nazionale una volta completato lo scrutinio di tutte le sezioni. Acquaroli è il quinto eletto maceratese dopo Tullio Patassini della Lega, Mirella Emiliozzi del M5S e Mario Morgoni del Pd alla Camera, e Giuliano Pazzaglini della Lega al Senato.

Dunque, il ‘ministro’ in pectore per le Infrastrutture del M5s, Mauro Coltorti, ha vinto il duello con il sindaco leghista del Comune terremotato di Visso, Giuliano Pazzaglini, diventato ‘portavoce’ della protesta delle popolazioni del sisma di fronte alle lentezze nella consegna delle casette e dei tempi della ricostruzione. E’ stato un duello fino all’ultimo voto: il primo ha ottenuto 93.606 voti (33,07%), il secondo (che è stato in testa per buona parte della notte) 93.332 (32,97%). Pazzaglini, in ogni caso, ce l’ha fatta grazie alla quota proporzionale. E quindi andrà pure lui al Senato.

A San Severino lo stesso Pazzaglini ha ottenuto, grazie all’intera coalizione del centro-destra, 2.819 voti. Mauro Coltorti invece, a livello locale, è arrivato secondo con 2.145 voti, mentre al terzo posto troviamo il candidato del centro-sinistra Piergiorgio Carrescia 1.344 voti.

Per quanto riguarda la Camera il candidato più votato è stato Tullio Patassini – sempre per il centro-destra – che ha sommato 3.095 voti fra quelli personali e di coalizione. Lo seguono Daniela Tisi del Movimento 5 Stelle con 2.396 voti e l’esponente del centro-sinistra Flavio Corradini: l’ex rettore di Unicam ha totalizzato 1.455 voti fra i “personali” e quelli delle liste che lo sostenevano.

Dunque, a livello di coalizioni, il centro-destra a San Severino ha vinto su entrambi i fronti, mentre in fatto di partiti o movimenti si è avuta l’affermazione dei 5 Stelle sia al Senato, sia alla Camera.

In un altro servizio, pubblicato in precedenza, proponiamo lo schema grafico riassuntivo dello spoglio elettorale nei 13 seggi del Comune. 

Santo Stefano Riabilitazione