Home | L'intervista | Bilancio 2017, auspici per il 2018: la parola a Panicari
Banca della Provincia di Macerata
Massimo Panicari
Massimo Panicari

Bilancio 2017, auspici per il 2018: la parola a Panicari

A fine anno abbiamo rivolto al sindaco e ai rappresentanti dell’opposizione in Consiglio comunale due domande:

1. Cosa è andato bene e cosa invece si poteva fare meglio o di più per San Severino nel 2017?
 2. Quali idee, prospettive o preoccupazioni per San Severino nel 2018?

Ecco le considerazioni di Massimo Panicari, capogruppo della lista di centrodestra “Città e borghi”.

La risposta all’emergenza causata dal sisma è sicuramente il fiore all’occhiello di questa Amministrazione. Infatti, dalla mappatura del danno sino alla rimozione delle macerie, i nostri rappresentanti hanno operato con una buona capacità organizzativa. Personalmente non condivido l’ubicazione delle Soluzioni abitative di emergenza poiché la massiccia concentrazione di prefabbricati ai margini di un quartiere periferico, sprovvisto di servizi connessi alla residenza, non permette un’adeguata integrazione ai suoi fruitori. Purtroppo sono stati spesi circa 10 milioni di euro per allestire un dormitorio con “vuoto a perdere”. Oltre alla gestione dell’emergenza affiora una scarsa programmazione unita a scelte poco edificanti per il territorio come l’approvazione della Variante urbanistica di “Boscorosso”, l’abbandono della ormai tradizionale coreografia natalizia della Piazza e dulcis in fundo l’asfaltatura della pista di atletica dello stadio comunale. Nonostante queste scelte dovute certamente all’inesperienza, i nostri amministratori, ogni qualvolta opereranno nell’interesse della città, avranno il nostro sostegno. Pertanto dovendo gettare uno sguardo verso il futuro, oltre a rinnovare la collaborazione del nostro Gruppo consiliare in tutte le dinamiche funzionali all’interesse comune, invochiamo una maggiore apertura da parte di una maggioranza abbottonata “male” e poco attenta alle istanze delle minoranze che di fatto rappresentano i due terzi dell’elettorato.
Buon anno!