Home | Attualità | Ambulanza e “Medicina” nuove per il nostro ospedale
Banca della Provincia di Macerata
Il taglio del nastro al reparto di Medicina
Il taglio del nastro al reparto di Medicina

Ambulanza e “Medicina” nuove per il nostro ospedale

Giovedì 7 dicembre presso l’ospedale civile “Bartolomeo Eustachio” c’è stata l’inaugurazione della nuova ambulanza assegnata al Punto di primo intervento e dei nuovi locali del reparto di Medicina. Sono intervenuti il sindaco Rosa Piermattei, il direttore dell’Area Vasta 3 dell’Asur Marche, Alessandro Maccioni, il responsabile della struttura “Emergenza territoriale 118” dell’Area Vasta 3, Ermanno Zamponi, il responsabile del Pronto soccorso, Domenico Sicolo, e il direttore dell’Unità operativa di Medicina, Giovanni Pierandrei.

La nuova ambulanza è stata benedetta, sul piazzale del Pronto soccorso, da mons. Nello Tranzocchi, vicario generale dell’Arcidiocesi di Camerino-San Severino. Attualmente classificata come Mezzo di soccorso intermedio potrà effettuare interventi con un autista soccorritore e un infermiere, ma presto vedrà anche la presenza di un medico a bordo.
Il responsabile del 118 territoriale, Ermanno Zamponi, ha illustrato le caratteristiche tecniche dell’ambulanza e ha riportato alcuni dati degli interventi effettuati dalla struttura di San Severino nel 2016. Sono state fatte un migliaio di “missioni”, i cui codici di “partenza” (cioè quelli presunti in base alle segnalazioni telefoniche degli utenti) sono stati il “rosso” in 222 casi e il “giallo” in 578 situazioni (il resto “verde”); il tempo medio di partenza, invece, è stato di due minuti e dieci secondi. I codici di rientro assegnati oggettivamente dall’equipaggio, dopo la valutazione sul posto, sono stati 34 rosso e 277 giallo, il resto fra verde e bianco per un totale di 650. Il tempo di ospedalizzazione, cioè dall’inizio dell’intervento al rientro in ospedale con il paziente, è stato mediamente di 48 minuti e 20 secondi. I pazienti, in base al tipo di intervento, sono stati trasportati in 422 a San Severino, in 162 a Camerino, in 39 a Macerata e in 4 casi a Torrette di Ancona. Gli interventi hanno interessati il territorio dei Comuni di San Severino (967 volte), Tolentino (5), Gagliole (3), Treia (3), Pioraco (2), Matelica (2), Esanatoglia (1) e Macerata (1).
Successivamente, alla presenza delle autorità sanitarie e del personale medico-infermieristico, il sindaco Piermattei ha tagliato il nastro per l’inaugurazione del reparto di Medicina, i cui locali sono stati da poco rinnovati e messi a norma antincendio.

Quindi, nella sala riunioni dell’Hospice, il direttore Alessandro Maccioni ha illustrato i principali interventi sui quali si sta concentrando l’Area Vasta 3, annunciando l’aumento delle risorse finanziarie per le attrezzature e del budget del reparto di oculistica di San Severino, nonché il potenziamento delle attività di ortopedia a Camerino e l’acquisto di tre nuovi mammografi, uno dei quali per l’ospedale di San Severino (gli altri per Tolentino e Macerata). Per l’ospedale di Macerata, inoltre, si prevede l’acquisto di un acceleratore lineare (Radioterapia): una macchina in grado di produrre fasci di elettroni e di fotoni che possono essere indirizzati con precisione sul bersaglio oggetto della terapia antitumorale.
Il sindaco Piermattei, durante la conferenza stampa, ha chiesto che venga sollecitata la procedura per l’aggiudicazione dei lavori per il reparto di lungodegenza che prevede venti posti letto. All’incontro è intervenuto anche il consigliere regionale Sandro Bisonni, difendendo l’intera struttura settempedana quale punto di riferimento sanitario imprescindibile in questa zona del nostro entroterra.

Fiorino Luciani