Home | Economia | Post terremoto: i fratelli Fattobene aprono agrimacelleria
Banca della Provincia di Macerata
Nunzio Fattobene con il nuovo staff
Nunzio Fattobene con il nuovo staff

Post terremoto: i fratelli Fattobene aprono agrimacelleria

La prima agrimacelleria realizzata con le misure per la delocalizzazione delle attività produttive dopo il terremoto apre i battenti a San Severino. La struttura si trova in Piazza del Commercio – al rione Settempeda – ed è stata realizzata da Nunzio e Paolo Fattobene, allevatori della Coldiretti settempedana, che a causa del sisma hanno perso il punto vendita nel centro cittadino: una norcineria-street food dove vendevano salumi ma anche panini con ciauscolo, braciole e altri prodotti fatti in azienda, grazie a circa 40 ettari di terreno con un allevamento di 800 maiali nelle campagne della zona. I due imprenditori, dopo il terremoto, non si sono persi d’animo e un mese dopo le scosse avevano riaperto con una norcineria mobile. Ora, a più di un anno da quei terribili eventi, sono finalmente riusciti a ottenere tutte le autorizzazioni necessarie per realizzare un fabbricato che integri il furgone e dia la possibilità ai clienti di degustare le proprie specialità al coperto. “E’ un esempio della voglia di ripartire delle aziende agricole danneggiate dal sisma – spiegano Francesco Fucili, presidente di Coldiretti Macerata, e il direttore Giordano Nasini -. Adesso occorre avviare la fase della ricostruzione vera e propria, riducendo i tempi burocratici e dando alle imprese le risposte attese”.

Santo Stefano Riabilitazione