Home | Economia | Il nuovo libro di Dragoni sull’Arte della rigenerazione
Architettura e rigenerazione
Architettura e rigenerazione

Il nuovo libro di Dragoni sull’Arte della rigenerazione

“Il progetto di un futuro sostenibile non può relegarsi ad un sogno, ad una speranza o vana utopia. Un futuro sostenibile è possibile: gli studi in materia dimostrano che, nonostante i gravi danni che l’uomo ha arrecato all’ambiente, è possibile invertire la rotta e perseguire la sostenibilità. A tal fine è necessario l’impegno da parte di tutti: istituzioni, imprese, consumatori”. È quanto sostiene il settempedano Alessandro Dragoni nella sua seconda pubblicazione: “L’Arte della rigenerazione: ricerca su un futuro sostenibile”, commissionata da ARTI-ITALIA (Associazione Nazionale dei Rigeneratori Ink-jet e Toner). “Concetti come green economy, economia circolare, eco-design e rigenerazione – prosegue Dragoni nel suo libro -, che sono la base per uno sviluppo sostenibile, devono entrare nel lessico corrente, nella consapevolezza della loro importanza nella vita di ognuno di noi. Sono richiesti, quindi, lo sviluppo di una cultura ambientale e un cambio di paradigma sia nei modi di acquisto che di fare impresa. L’usa e getta deve cedere il passo alla filosofia del riciclo, del riuso, della rigenerazione dei prodotti giunti al loro fine vita. In tale direzione si stanno muovendo le istituzioni europee e nazionali. Raggiungere un equilibrio fra modelli di consumo, modelli di produzione ed ambiente è possibile, ma richiede un giusto compromesso necessario per salvaguardare il futuro del nostro pianeta”. La ricerca di Dragoni si colloca all’interno di tale filone di analisi e rappresenta un primo documento analitico e professionale svolto sul mondo della rigenerazione dei consumabili da stampa in Italia. In particolare, viene analizzato il settore della rigenerazione delle cartucce per stampanti mostrandone le strategie, le peculiarità, l’impatto ambientale, economico e sociale. Il giovane autore vuole porre l’attenzione su un settore che, oltre a dimostrare delle potenzialità di sviluppo, finora sottovalutate per la nostra economia, è amico dell’ambiente.

Lu. Mus.