Home | Attualità | Feronia, via agli abbonamenti: prezzi invariati da 11 anni
Il sipario del teatro Feronia
Il sipario del teatro Feronia

Feronia, via agli abbonamenti: prezzi invariati da 11 anni

I prezzi di abbonamenti e biglietti per la nuova stagione de “i Teatri di Sanseverino” restano gli stessi da 11 anni e inoltre sono previsti sconti e agevolazioni per giovani e famiglie. L’abbonamento comprende 6 spettacoli al Feronia a posto fisso, un diritto di prelazione e 8 film all’Italia a posto libero. Gli abbonamenti costano da 30 a 130 euro, mentre i biglietti di ingresso ai singoli spettacoli in abbonamento al Feronia costano da 8 euro a 23 euro.
Gli abbonati possono riconfermare il proprio posto presso il botteghino del Feronia dal 12 al 15 ottobre ore 16-20. I nuovi abbonamenti sono in vendita dal 18 al 20 ottobre ore 16-20 con possibilità di prenotazione telefonica il 18 ottobre dalle 9 alle 12 allo 0733 641296; in caso di prenotazione telefonica gli abbonamenti debbono essere ritirati entro il 18 ottobre alle 20 presso il botteghino.
In occasione dei singoli spettacoli la biglietteria del Feronia (0733 634369) resta aperta il solo giorno dello spettacolo dalle 17 alle 20,45.
Gli appuntamenti presso il teatro Italia e gli “altri luoghi” sono tutti a ingresso gratuito, come anche molti degli spettacoli inseriti nel calendario “fuori abbonamento”.
Gli abbonati possono usufruire del diritto di prelazione per acquistare, al momento della sottoscrizione dell’abbonamento, il biglietto relativo al proprio posto per lo spettacolo concerto di Neri Marcorè, “Quello che non ho”, in scena al Feronia il 21 marzo 2018.
Disponibile il consueto e apprezzato servizio di babysitting gratuito durante gli spettacoli in abbonamento al Feronia, previa prenotazione presso la Pro Loco.
Il punto informazioni per tutta la stagione e la biglietteria per i fuori abbonamento sono gestiti anche quest’anno dalla Pro Loco, aperta da martedì a domenica dalle 9 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19. I Teatri di Sanseverino sono su Facebook a cura di David Dignani.