Home | Sport | Sport e solidarietà, i pilastri del “ponte” costruito da Desio
Banca della Provincia di Macerata
Il gruppo partito da San Severino
Il gruppo partito da San Severino

Sport e solidarietà, i pilastri del “ponte” costruito da Desio

Tre giorni di sport, aggregazione e solidarietà. Per costruire un ponte di amicizia fra la Lombardia e le Marche, tra Desio e San Severino, uno dei centri più colpiti dal terremoto dell’ottobre scorso. E’ stata una grande manifestazione quella organizzata dall’oratorio Santi Pietro e Paolo di Desio, nel cuore della Brianza, dove sono stati invitati venti ragazzi (più una quindicina di accompagnatori) del Centro sportivo italiano di San Severino che, dai giorni delle scosse, non hanno più il loro oratorio “Don Orione” perché chiuso (come l’adiacente chiesa, che ora è sotto a un tendone) a causa delle lesioni provocate dal sisma. L’iniziativa sostenuta dal Csi di Milano e dal Csi delle Marche – rispettivamente rappresentati all’evento dai presidenti Massimo Achini e Tarcisio Antognozzi – ha avuto come ospite di riguardo l’allenatore di calcio Emiliano Mondonico che ha raccontato ai ragazzi la sua straordinaria storia di panchina e di vita. L’idea del gemellaggio è nata grazie alla sensibilità di Christian Vaccaro, coach della Juniores dell’oratorio Santi Pietro e Paolo che è un tecnico di professione e, in quanto tale, è intervenuto nella zona del cratere, all’indomani delle scosse, per prestare volontariamente la sua opera nei sopralluoghi da compiere sugli edifici lesionati. Si è reso conto della situazione e, una volta tornato a casa, ha voluto fare qualcosa di concreto per i ragazzi di San Severino rimasti senza il luogo in cui ogni giorno si ritrovavano per giocare insieme e praticare sport. Da qui l’invito a partecipare alla seconda edizione del torneo di calcio a 7 “Felice x voi”, con 8 squadre al via: metà della categoria Juniores, metà dell’under 14. Due di queste erano settempedane, le altre di Desio e dintorni. I piccoli dell’Under 14, seguiti dai mister Stefano Bruschi e Alberto Cambio, hanno perso ai rigori la finale per il terzo posto, mentre la Juniores, guidata da Roberto Ronci (che è pure presidente del Csi San Severino) assieme a Tarcisio Antognozzi, è arrivata seconda perdendo la finalissima contro i padroni di casa, pure in questo caso dopo i calci di rigore. Fra i premiati anche Matteo Panicari (Juniores San Severino) come miglior giocatore del torneo. Oltre ai momenti di sport, la delegazione settempedana ha vissuto un’esperienza unica grazie alla generosa ospitalità dei lombardi. Ci sono stati infatti momenti di convivialità, la condivisione della messa domenicale in parrocchia e una gita a Milano per visitare insieme il Duomo e il centro della città. Lo scorso anno, nella prima edizione, l’oratorio Santi Pietro e Paolo di Desio invitò per un’analoga iniziativa di solidarietà i ragazzi di Betlemme.