Home | Attualità | Il Feronia ha riaperto i battenti col Concerto di Natale
Euro Net San Severino Marche
Francesco Rapaccioni e il direttore Giorgio Lorenzini
Francesco Rapaccioni e il direttore Giorgio Lorenzini (foto di Luca Mengoni)

Il Feronia ha riaperto i battenti col Concerto di Natale

Ritorno al Feronia per i Teatri di San Severino, che hanno inaugurato la stagione invernale a Recanati lo scorso 8 dicembre. Una scelta presa per precauzione diverse settimane fa: il teatro settempedano non ha subito danni considerevoli ed è ormai pronto ad accogliere di nuovo un pubblico al suo interno.
A ridare il benvenuto ai settempedani nel Teatro Feronia ci ha pensato il tradizionale Concerto di Natale, tenutosi sabato 17 dicembre. Ad esibirsi, davanti a una platea e due ordini di palchi al completo, l’Orchestra Feronia, composta da giovani e giovanissimi di San Severino e dintorni. Musicisti che hanno dimostrato grande disponibilità e professionalità poiché la serata, per motivi legati all’agibilità dell’edificio, è stata incerta fino a poco tempo fa. Una scaletta dedicata quasi tutta al Novecento: ad eccezione di alcune composizioni più classiche (una su tutte, le Danze Ungheresi di Brahms), il programma era costituito perlopiù da brani composti dagli anni Quaranta in poi. Molto jazz, con nomi importanti come quelli di Glenn Miller, Jimmy Davis, Roger Ramirez e James Sherman. Questa particolare sezione del concerto è stata valorizzata dalla presenza di due virtuosi d’eccezione, Maurizio Moscatelli e Matteo Paggi (rispettivamente al sax e al trombone), che hanno coinvolto l’intera platea con i loro assoli. A completare e rendere più vario il programma, due pezzi contemporanei legati al cinema e molto apprezzati dal pubblico: “Nuovo cinema Paradiso” di Ennio Morricone e “Libertango” di Astor Piazzolla.
La serata ha fornito uno spunto per parlare di San Severino e del suo impegno a rialzarsi dopo il sisma. Sul palco sono saliti Leonardo Ottaviani e Andrea Tabocchini, due dei tre autori del progetto “One million lights”, per parlare dell’installazione e illustrare il progetto. Il direttore artistico di “Teatri di San Severino”, Francesco Rapaccioni, ha ringraziato il pubblico per l’affluenza. «Riaprire un teatro in un momento così difficile è un segno forte e coraggioso. Noi ci abbiamo creduto, abbiamo portato le persone al Feronia e torneremo con i prossimi appuntamenti». Il primo da segnare in agenda è un altro concerto, stavolta dedicato al gospel, che avrà luogo mercoledì 28 dicembre. Parole di incoraggiamento sono state spese anche dall’assessore Vanna Bianconi: «Ci rimbocchiamo le maniche, con entusiasmo e voglia di fare, e ricominciamo. Ricominciamo con l’Orchestra Feronia, che riapre questo spazio di cultura e di bellezza. E poiché, come dice il poeta, “la bellezza ci salverà”, godiamoci questa sera la bellezza della musica».

Alessandra Rossi

Centro Medico Blu Gallery