Home | Sport | Il Serralta scivola in casa contro il San Ginesio (1-2)
Euro Net San Severino Marche
Nota della Settempeda su quanto accaduto a Cingoli
Nota della Settempeda su quanto accaduto a Cingoli

Il Serralta scivola in casa contro il San Ginesio (1-2)

La possibilità di salire sul “podio” momentaneo del campionato svanisce per il Serralta. Sarebbe stato così se al termine di questa dodicesima giornata i gialloblù avessero vinto, invece arriva un’altra sconfitta casalinga (la quarta in totale) che fa frenare ancora una volta la marcia in ottica play off. Passo falso interno che sorprende e giunge inaspettato per un Serralta che voleva dar seguito ai precedenti successi e sembrava veramente possibile visto l’impegno sulla carta accessibile (contro la terzultima), ma alla luce dei fatti è andata ben diversamente. La spunta, dunque, il San Ginesio che piazza il colpaccio ed espugna il “Soverchia” grazie soprattutto ad una ripresa gagliarda e attenta. Al termine dei 90’ si può dire che il successo degli ospiti sia meritato e che ci possa stare. La formazione di Carradori ha messo in campo le armi che deve avere chi lotta per salvarsi ed è stata premiata. Ci ha messo molto del suo un Serralta altalenante come rendimento e come “testa”. I locali hanno disputato dei buoni primi venticinque minuti, durante i quali ha avuto il torto di non segnare e di non dare il colpo del ko che avrebbe messo fine ad ogni discorso. Trovato il vantaggio, poi, i settempedani si sono fatti cogliere impreparati nell’azione del pareggio e da lì in avanti, cioè per tutto il secondo tempo, si è sviluppata tutta un’altra partita. Il Serralta non è praticamente tornato in campo come doveva dopo l’intervallo, sbagliando approccio. Da qui sono nate le difficoltà di manovra e di attenzione in difesa che hanno agevolato il compito al San Ginesio, bravo ad approfittarne e che non ha sbagliato nulla. Solo il finale dei gialloblù è stato condito da volontà, ma non è stato sufficiente per evitare il ko ed ottenere almeno un pari utile ad evitare la sconfitta. Adesso il Serralta deve ripartire ritrovando compattezza, convinzione e lucidità cercando anche di porre fine al negativo andamento casalingo che sta divenendo un vero tabù e l’occasione buona sarà data dal prossimo impegno, sempre in casa, contro la Treiese. Per il San Ginesio una bella boccata di ossigeno e una “impresa” importante con tre punti utili per morale e per la lotta salvezza.

La cronaca.

All’ingresso in campo chi presenta le maggiori novità è il Serralta. Sono diverse le assenze e così mister Bonifazi deve cambiare. Rispetto a Montecassiano sono 4 i volti nuovi nell’undici titolare. In difesa c’è Cruciani al posto di Elisei. In avanti Sfrappini fa il titolare (Raponi out per l’influenza) e Giorgi entra per Meschini che parte dalla panchina. La sorpresa nei gialloblù è a centrocampo dove debutta l’ultimo arrivato, ovvero il diciannovenne Romario Selita (nazionalità albanese) appena tesserato. La gara parte su buoni ritmi. Il primo spunto del match è di Calvigioni che in area tenta il sinistro che finisce alto. Al 6’ proteste locali. Sfrappini recupera palla a parte verso la porta avversaria. Il numero 9 resiste ad un primo contatto al limite (falloso), poi giunto nei sedici metri finisce giù. L’arbitro con ampin gesti fa proseguire, ma i dubbi restano. Al 17’ Giorgi tocca centralmente per Broglia che si infila in area trovandosi poi davanti al portiere. Tocco sotto in corsa che viene respinto da Santucci in uscita. Sul prosieguo dell’azione ancora Broglia tenta di piazzare in porta, ma Stefano Francia, ben appostato, rinvia. Al 24’ un azione prolungata dei gialloblù viene conclusa da Tiranti che calcia dal limite. Destro appena largo. Al 26’ un lancio lungo viene spizzato di testa da Sfrappini. Il pallone finisce a Tiranti che da dentro l’area calcia subito in porta, Traversa piena. Sul pallone va Giorgi che sceglie la conclusione immediata in corsa, ma colpisce male mettendo alto. In mezzo a tanto Serralta si vede anche il San Ginesio con Danilo Francia che esegue un calcio piazzato che chiama alla parata impegnativa Serrani che si distende in tuffo per effettuare la deviazione. Al minuto 41 i locali trovano il modo di passare. Sfrappini mette in mezzo all’area una palla che Broglia raggiunge e che poi in qualche modo riesce a calciare in mezza girata. Il pallone va in porta a fil di palo. 1-0 e per Broglia le reti in campionato salgono a 7. Quando per il Serralta il più sembra fatto con il punteggio a proprio favore, ecco che arriva la frittata per i locali. Minuto 44. Strazzella riceve palla sulla destra e si accentra. Il numero 10, attorniato da ben tre avversari, riesce a concludere con il sinistro. Il tiro incoccia su Natali e cambia traiettoria. Ne viene fuori una parabola maligna che si alza e poi spiove sotto la traversa superando l’incolpevole Serrani che può solo osservare il gol del pari. 1-1. Prima del riposo ci prova pure Caponi con un bel destro su punizione spostata a sinistra rispetto all’area gialloblù. Destro a spiovere che chiama Serrani alla respinta a pugni uniti. Serralta all’intervallo colpito a freddo e il colpo verrà accusato oltre il lecito. Il secondo tempo, infatti, comincia con l’undici di casa meno brillante. C’è più approssimazione, manca lucidità, il ritmo non è adeguato. Di tutto ciò ne risente la manovra che diventa prevedibile e non produce nulla di rilevante. Dopo 8’ ci prova Tiranti accentrandosi da destra e concludendo rasoterra con un sinistro centrale che non porta problemi a Santucci. Al 18’ Danilo Francia viene pescato da un lungo lancio in area. Diagonale rasoterra che Serrani mette in angolo con il piede. In questo frangente del match il Serralta è in difficoltà anche dietro dove c’è troppo spazio per Danilo Francia. Al 24’, infatti, il numero 7 ospite ne approfitta. Uno contro uno sulla sinistra dentro l’area contro Cruciani. Dribbling e scatto con il giovane difensore gialloblù che entra sull’avversario invece di temporeggiare. Il tocco sul piede di appoggio di Francia è evidente. Rigore netto che lo stesso Francia si incarica di battere. Destro preciso sotto la traversa e San Ginesio avanti. 1-2. Ora il Serralta non ha più nulla da perdere e mister Bonifazi si gioca il tutto per tutto. Dentro Meschini, Magnapane e Dignani per un modulo iper offensivo. Proprio Meschini (32’) si inventa uno spunto sulla destra con traversone basso dal fondo. A centro area arriva Broglia che batte di prima intenzione con l’interno destro. Tiro a mezza altezza, quasi centrale, ma Santucci compie una prodezza di istinto nel respingere in angolo. Al 39’ è protagonista ancora Meschini che ci prova in prima persona. Destro rasoterra dal vertice dell’area. Santucci si distende per bloccare la sfera diretta nell’angolino basso. Nel recupero, poi, il Serralta ci prova come può e in tutte le maniere. Si gioca quasi ad una porta, ma i pericoli portati a Santucci sono minimi. Negli ultimi tentativi i gialloblù recriminano, e a ragione, per un intervento scomposto e falloso di un difensore su Natali avvenuto in area che però l’arbitro non ha ritenuto punibile con il penalty, mentre dagli spalti era sembrato evidente e punibile con la massima punizione. Accese proteste settempedane, ma si gioca ancora e c’è il tempo per l’ennesima mischia seguita da un calcio piazzato. E’ Broglia a concludere, ma la mira è sbagliata e così non cambia più niente con la vittoria del San Ginesio.

Il tabellino.

SERRALTA – SAN GINESIO 1-2
MARCATORI: pt 41’ Broglia, pt 44’ Strazzella, st 24’ Francia Danilo su rigore
SERRALTA: Serrani, La Torre(33’st Magnapane), Biondi, Cruciani(40’st Dignani), Natali, Rossi, Giorgi(7’st Meschini), Selita, Sfrappini, Broglia, Tiranti. A disp. Giovagnini, Rocci, Lorenzi, Vissani. All. Bonifazi
SAN GINESIO: Santucci, Caponi, Francia Stefano, Funari, Bompadre, Calvigioni, Francia Danilo(38’st Briganti), Francia Daniele, Luconi, Strazzella(32’st Lucarelli), Carradori. A disp. Paparoni, Venanzetti, Madreselvi, Petracci. All. Carradori Daniele
ARBITRO: Bini di Macerata
NOTE: spettatori 50 circa. Ammoniti: Rossi, Bompadre, Francia Stefano, Francia Daniele. Angoli: 3-2 per il Serralta. Recupero: pt 1’, st 4’.

Roberto Pellegrino

Centro Medico Blu Gallery