Home | Sport | Vertigini d’alta quota per Serralta: ko col C.Raimondo
Euro Net San Severino Marche
Serralta battuto a San Ginesio
Serralta battuto a San Ginesio

Vertigini d’alta quota per Serralta: ko col C.Raimondo

Soffre di vertigini da alta quota il Serralta che, dopo aver raggiunto il secondo posto una settimana fa, viene ricacciata indietro dopo questa sconfitta casalinga (è la terza sulle 4 in totale) e ora è di nuovo al settimo posto. Il colpo da ko le viene inferto da un’ottima Folgore Castelraimondo che certifica il proprio ruolo di sorpresa del girone e si conferma matricola terribile. L’operazione sorpasso sui rivali di giornata giunge puntuale per la Folgore che sale a quota 18 (quinta piazza) consolidando le speranze di partecipare alla corsa play off. Non fa una grinza la vittoria ottenuta dalla squadra di Amore: organizzata, quadrata, attenta, cinica quanto basta. Queste prerogative hanno permesso ai biancazzurri di uscire dal “Soverchia” con il bottino pieno. Ottima la prova collettiva della Folgore che ha evidenziato un gruppo unito e compatto formato da giocatori pronti ad aiutarsi e tra i quali oggi sono emersi Lori, Passarini e capitan Sparvoli, autore del gol decisivo con la specialità della casa, il calcio di punizione. Ben altre considerazioni vanno fatte sul Serralta. Giornata no per il gruppo gialloblù. Ancora una volta, come a Sefro, la prestazione è stata non in linea con le aspettative e con le possibilità. Quel passettino in avanti auspicato da tutti non c’è stato e la prova che ci si attendeva sul piano della maturità e della mentalità ha subito un nuovo rinvio. Cuore e impegno si sono visti è vero, ma il Serralta è stato troppo molle, disordinato ed impreciso per poter sperare di sorprendere e mettere in crisi avversari attentissimi. Basta vedere, d’altronde, le occasioni da rete costruite durante il match per capire quali e differenti prestazioni siano state fatte dalle due formazioni: appena una da parte del Serralta, almeno quattro, più quella del gol, da parte della Folgore. Restano da disputare cinque turni prima della sosta e si vedrà che tipo di cammino riusciranno a tenere le due squadre, anche se il Serralta dovrà fare i conti con la pesantissima assenza di Lele Ruggeri uscito per infortunio e per il quale si prevede un lungo periodo di stop.

La cronaca.

Si respira un’atmosfera da play off per questo “derby” tra Serralta e Folgore Castelraimondo con due squadre che arrivano allo scontro diretto in ottima forma. Un solo punto divide le due compagini ed è chiaro che sarà una partita tirata, incerta, equilibrata e, naturalmente, importante ai fini della classifica. All’ingresso in campo trovano conferma le previsioni della vigilia. Formazioni tipo, con i migliori tutti in campo, anche se nel Serralta non c’è Raponi (tribuna per lui) e al suo posto gioca il rientrante Broglia che giostra alle spalle di Tiranti. Inizio di gara accorto e di studio. Gioco che staziona a metà campo e questo sarà l’andazzo di tutto il primo tempo. Gli spettatori, buona l’affluenza, non godranno di un grande spettacolo, con la partita che sarà spezzettata, poco giocata, con diverse imprecisioni e con diverse palle alte e lunghe. Va da sé che non possano registrarsi occasioni particolari da gol. Le poche che si possono annotare sono, comunque, di marca ospite. Al 7’ Salvatori si accentra da destra fino al limite. Sinistro a mezza altezza che esce di un soffio. Sembra stare meglio in campo la Folgore, mentre il Serralta fatica a trovare ritmo e spazi. In un paio di mischie in area castellana i locali creano scompiglio, ma prima Natali e poi Giorgi non trovano il modo per indirizzare verso lo specchio della porta. Dopo 20’ la Folgore deve operare il primo cambio: Torre, stirato, lascia spazio e ruolo a Rocchegiani (farà bene). Al 29’ la gara si sblocca e sarà la rete che la deciderà. Fallo di Natali (ammonito) su Salvatori sul fronte destro dell’attacco ospite. L’esecuzione spetta allo specialista Sparvoli. Il capitano biancazzurro indovina una traiettoria perfetta. Sinistro potente e preciso che dopo aver scavalcato la barriera si infila sotto il sette alla sinistra di Serrani. 0-1. Il Serralta accusa il colpo e non reagisce. Anzi, è la Folgore a sfiorare il raddoppio nel finale di tempo. Al 42’ un tocco all’indietro di Rocci risulta troppo lento e permette a Salvatori di scattare in area. Tiro del 7 ospite e respinta in tuffo di Serrani. Il pallone rimbalza sullo stesso Salvatori e prosegue la corsa verso la porta del Serralta fino a battere contro il palo e ritornare poi in campo dove i difensori di casa rimediano allontanandolo. Al 46’ è Macovei, sfruttando un mancato fischio arbitrale per fallo netto su Broglia, a fuggire verso la porta gialloblù. Diagonale che Serrani respinge in uscita. Intervallo con la Folgore avanti e con merito. Ripresa senza variazioni e con un Serralta un po’ più propositivo, almeno così sembra. Al 12’ i locali creano i presupposti per il pari grazie alla loro migliore azione del match. Giorgi gira di prima in profondità trovando lo scatto di Tiranti che in area viene fermato dalla spericolata uscita bassa di Pelagagge che trova il tempo giusto per gettarsi tra i piedi dell’avversario con tanto di anticipo ad allontanare la sfera. Per il Serralta è un fuoco di paglia. Si fa male Ruggeri(brutta botta al costato) rimpiazzato da Lorenzi. La squadra gialloblù deve rinunciare ad una pedina fondamentale. Al 20’ mister Bonifazi esaurisce i cambi. Dentro Dignani e Magnapane per Giorgi e Broglia. Il Serralta passa al 4-4-2 (poi nel finale altra modifica con Rocci a destra e Meschini trequartista, ma non porterà frutti), ma la manovra non ne beneficia. I locali ci provano, ma pericoli, minimi, vengono creati solo su cross da palle inattive. Una di queste situazioni (38’) consente a Natali di battere al volo dal limite. Destro alto. Nel finale di gara, ci saranno ben 8’ di recupero, non succederà praticamente nulla dalle parti di Pelagagge sempre pronto ad intervenire sulle palle scodellate nei sedici metri dai giocatori gialloblù. In verità la chance più grossa per vedere un altro gol se la propizia la Folgore con un contropiede di Cagnucci che una volta entrato in area conclude a giro con il destro. Tiro che Serrani devia in tuffo. Finisce con il prezioso successo ospite che lancia la Folgore in alto, mentre per il Serralta arriva un’altra delusione nel match che doveva certificare le ambizioni di secondo posto.

Il tabellino.

SERRALTA – FOLGORE 0-1
MARCATORI: pt 29’ Sparvoli
SERRALTA: Serrani, La Torre, Rocci, Elisei, Natali, Ruggeri (6’st Lorenzi), Giorgi (19’st Dignani), Rossi, Tiranti, Broglia (19’st Magnapane), Meschini. A disp. Giovagnini, Cruciani, Biondi, Vissani. All. Bonifazi
FOLGORE CASTELRAIMONDO: Pelagagge, Torre (20’pt Rocchegiani, 33’st Campetella Marco), Di Lupidio, Lori, Sparvoli, Passarini, Salvatori, Campetella (30’st Aguzzi), Macovei, Nebel, Cagnucci. A disp. Lacchè, Morbidoni, Pompei, Mancini. All. Amore
ARBITRO: Angelini di Macerata
NOTE: spettatori 70 circa. Allontanato dalla panchina per proteste Bonifazi (Serralta). Ammoniti: Natali, Dignani, Lorenzi, Tiranti, Salvatori, Cagnucci. Angoli: 2-1. Recupero: pt 3’, st 8’.

Centro Medico Blu Gallery