Home | Sport | Serralta perde a Sarnano, ma il risultato è bugiardo
Euro Net San Severino Marche
Serralta battuto a San Ginesio
Serralta battuto a San Ginesio

Serralta perde a Sarnano, ma il risultato è bugiardo

Il riscatto del Sarnano arriva immediato dopo il ko di Pioraco ed è un largo successo sul Serralta (3-0). Vittoria, quella dei padroni di casa, che può essere definita cinica e pratica. Sarnano che ottiene il massimo con il minimo sforzo. Tutto si decide nel primo tempo. Gara che inizia con ritmo alto e con le due squadre che si affrontano a viso aperto e senza tatticismi. Il momento cruciale è quello a cavallo dei minuti 13 e 14. Prima il vantaggio inaspettato dei locali e subito dopo il rigore fallito dagli ospiti (la serie si allunga e sta diventando una brutta e negativa abitudine). Qui la partita è cambiata e in effetti così è stato, ma è andata tutta dalla parte del Sarnano che in prossimità dell’intervallo ha trovato il raddoppio e chiuso praticamente i giochi. La prima frazione lascia recriminazioni al Serralta e non solo per il penalty sprecato. I gialloblù hanno fatto bene giocando con convinzione e con atteggiamento giusto, anche dopo essere andati sotto. Per lunghi tratti i settempedani hanno condotto le danze, creando e mancando diverse occasioni. Si può sicuramente affermare che il doppio passivo è stato pesante e ingiusto a metà gara, ma nel calcio ci sta e per il Serralta non è una novità in questa stagione. Il Sarnano è apparso un po’ in difficoltà, anche se ha confermato la propria qualità a centrocampo e in avanti, e dietro ha sofferto, facendo una condotta di gara improntata sull’attesa e sulle ripartenze, almeno per il primo tempo. Il secondo gol del Sarnano, poi, ha fatto capire quale esito avrebbe avuto il match e ciò è stato certificato dalla ripresa. I secondi 45 minuti, infatti, hanno detto ben poco, se non la terza rete locale che ha spento definitivamente ogni speranza ospite e reso l’ultima parte dell’incontro senza interesse e in cui si è giocato per inerzia in attesa del fischio finale. Ora a meno cinque giornate dal termine gli obiettivi sono chiari per Sarnano e Serralta: i primi punteranno ad un posto nei play off; i secondi andranno alla caccia di quei punti indispensabili per toccare la quota della salvezza diretta.

La cronaca.

Si gioca sul neutro e sul sintetico di Loro Piceno per ovviare all’indisponibilità del “Maurelli” di Sarnano ricoperto dalla neve. Turno che mette di fronte rivali con obiettivi ben distinti. Da una parte un Sarnano quarto in classifica che vuole riprendere il cammino in ottica play off, dall’altra un Serralta affamato di punti in ottica salvezza. Sarnano praticamente al completo, unico cambio a centrocampo con Vignaroli che rileva Trobbiani che non è al meglio. Serralta che cambia fisionomia. Il modulo vede la presenza del trequartista, Giorgi, dietro a due punte, una delle quali è Sfrappini titolare per la prima volta. In difesa altre variazioni. Sono out Gheroni e Paciaroni e al loro posto giocano Vitali, terzino sinistro, e il rientrante Zagaglia, terzino destro e capitano. L’avvio è pimpante e piacevole. La prima conclusione è di marca ospite. Luchetti calcia una punizione quasi dal vertice sinistro dell’area. Palla sopra la barriera e diretta sotto la traversa. Il tiro è centrale e Mandozzi alza in corner. C’è equilibrio e le squadre si equivalgono. All’improvviso, però, la partita si sblocca. L’intuizione di Fantegrossi è felice e vale il vantaggio del Sarnano. Palla vagante sui 25 metri nella zona di Fantegrossi che calcia di prima intenzione. Destro rasoterra in diagonale che si infila a fil di palo nell’angolino basso alla destra di Messi che, coperto, si tuffa con leggero ritardo e non può arrivare a deviare. 1-0. Passa un attimo e il Serralta costruisce l’azione ideale per il pari. Pallone in area per De Maria che gira con il sinistro. Mandozzi d’istinto devia. La palla torna a centro area dove Sfrappini la cattura. Il centravanti gialloblù spalle alla porta si gira per trovare un varco, ma da dietro un difensore lo tocca mettendolo giù. Il fallo è evidente e il rigore decretato dall’arbitro appare ineccepibile. Broglia si presenta sul dischetto (due centri contro il Valdichienti). Destro centrale con Mandozzi proteso verso sinistra, ma il portiere ci arriva con la punta del piede riuscendo a deviare il piatto dell’avversario. Tutto da rifare per il Serralta. Il merito maggiore degli ospiti è quello di non mollare e di non accusare il peso dell’errore, seppur grave. Il Serralta tiene il pallino del gioco e crea anche occasioni. Fra le più importanti una mancata deviazione da sotto misura di De Maria e un colpo di testa in mischia di Luchetti largo di poco. Il tema tattico del match è chiaro: Sarnano che aspetta e punta sulle ripartenze negli spazi, Serralta che attacca cercando di trovare brecce nel muro avversario. Tattica, questa, che puntualmente premia il Sarnano trovando piena conferma. 42’. Lungo rilancio a pescare a sinistra Massucci. Scatto, controllo, ingresso in area e tiro in corsa del bomber del Sarnano. Diagonale rasoterra che, pur non irresistibile, supera la mano di Messi distesosi in tuffo e entra nell’angolino basso opposto. 2-0. E’ una mazzata per i gialloblù che non si capacitano di ritrovarsi sotto di due gol pur avendo giocato bene e meglio dei rivali, ma gli episodi hanno deciso così. Nella ripresa il canovaccio tattico non cambia. Il Serralta continua a portarsi in avanti (in campo una punta in più). Rossi ci prova su punizione con Mandozzi che ribatte a pugni uniti. Negli spazi il Sarnano è sempre temibile e al minuto 11 Massucci parte da sinistra per poi tirare con potenza. Alto di poco. I locali al 18’ fanno tris e mettono il sigillo alla vittoria. E’ una bella trama quella che vede Petrarulo stoppare e poi lanciare in acrobazia verso destra per servire Tamburi. Controllo e gran tiro in corsa del numero 11 che pesca l’angolo più lontano. Niente da fare per l’incolpevole Messi. 3-0. Gara in pratica finita, si gioca per “dovere”. Nel restante tempo si registrano alcuni tentativi del Serralta, ma tutti senza esito. Pregevole quello di Giorgi che con una serpentina salta alcuni avversari presentandosi davanti al portiere, ma Mandozzi in uscita bassa gli si oppone al meglio. Il Sarnano controlla agevolmente e non rischia quasi niente. Tamburi ci riprova con un tentativo fotocopia del precedente, ma questa volta il destro è meno preciso ed è largo. Finale senza emozioni e squadre che arrivano tranquille al 90’ quando il fischio finale sancisce il largo successo dei padroni di casa.

Il tabellino.

SARNANO – SERRALTA 3-0

MARCATORI: 13’ Fantegrossi, 42’ Massucci, 63’ Tamburi

SARNANO: Mandozzi, Mazzetti Michele, Mazzetti Valerio, Girolami(70’ Pesaresi), Sebastianelli, Molisano, Vignaroli(62’ Trobbiani), Petrarulo, Massucci(76’ Cardinali), Fantegrossi, Tamburi. A disp. Censori, Gentili, Molinas, Zega. All. Eleuteri

SERRALTA: Messi, Zagaglia, Vitali(56’ Manasse), Elisei(80’ Governatori Gobbi), Luchetti, Broglia, Rossi(61’ Frumenti), Rossetti, Sfrappini, Giorgi, De Maria. A disp. Cardorani, Cruciani, Morgana, Meschini. All. Bonifazi

ARBITRO: Albertini di Ascoli Piceno

NOTE: spettatori 40 circa. Ammoniti: Fantegrossi, Sebastianelli, Manasse. Angoli: 1-5. Recupero: st 3’.

Roberto Pellegrino

Centro Medico Blu Gallery