Home | Sport | Il Serralta perde 1-0 a Macerata con il Rione Pace
Euro Net San Severino Marche
Nota della Settempeda su quanto accaduto a Cingoli
Nota della Settempeda su quanto accaduto a Cingoli

Il Serralta perde 1-0 a Macerata con il Rione Pace

E’ il Rione Pace a dare continuità al proprio ottimo momento vincendo in casa e salendo sensibilmente in classifica fino alle zone alte. Salgono a 5 i risultati positivi di fila dei maceratesi con il successo di misura sul Serralta ottenuto nel finale di gara (85’) grazie a un tocco ravvicinato di Piccioni che sancisce un secondo tempo di netta impronta locale terminato con una meritatissima vittoria che poteva anche essere più ampia. Il Serralta, invece, frena nuovamente abbandonando la mini serie positiva e subendo la sconfitta numero 3 in trasferta, la quarta complessiva su sette giornate. Non fa una grinza l’affermazione del Rione Pace. Squadra ben messa in campo, bel gioco che sfrutta le qualità dei suoi uomini migliori e ottima condizione fisica. Locali che ci hanno sempre creduto, anche dopo un primo tempo complicato (bravo il Serralta a chiudere tutti gli spazi con un bel pressing) e assai equilibrato, crescendo poi nella ripresa durante la quale hanno alzato i giri mettendo in seria ed evidente difficoltà i rivali fino a creare almeno 5/6 limpide occasioni, compresa quella decisiva per i tre punti. Ospiti che hanno resistito per circa un’ora giocando alla pari e non rischiando nulla. Poi è arrivato un crollo atletico improvviso che ha influito sul mutamento della partita, passata tutta nelle mani dei maceratesi che hanno costruito gioco e manovre pericolose a getto continuo. Molto bene da una parte Morbidoni, il migliore in campo, e Piccioni; dall’altra Elisei e Messi che le ha provate tutte per lasciare inviolata la propria porta con una serie di “miracoli” che non sono bastati. La cronaca. Squadre che si presentano con undici un po’ diversi rispetto al turno precedente. Nel Rione Pace sono fuori Emiliani e Salvucci e all’ultimo istante si blocca Torresi (problema muscolare nel riscaldamento) il cui posto viene preso da Centioni. Nel Serralta, ancora indisponibili Luchetti e Natali, c’è una rotazione di uomini: tre novità, una per reparto. Vittorini in difesa, Meschini a centrocampo, Giorgi in attacco (vanno in panchina Magnapane, Zagaglia e Moscatelli). Pronti via ed è Poloni a sgusciare tra le maglie difensive ospiti. Conclusione in corsa fuori misura. Sembra una partenza frizzante da parte delle due contendenti che si sfidano a viso aperto con ritmi alti. In realtà questo dura poco. Per buona parte del tempo, infatti, si vede pochino. Bisogna oltrepassare la mezzora per annotare qualcosa. Morbidoni ci prova con un rasoterra dal limite. Facile per Messi. Vittorini dall’altra parte gira di testa con palla alta non di molto. Prima dell’intervallo è Meschini a provarci su punizione. Destro sopra la barriera e risposta in tuffo di Giacomelli che a mani aperte spinge la palla lontano. Si va alla ripresa e l’inizio sembra identico a quanto visto in precedenza, ma non sarà così dato che l’ultima mezzora di match sarà palpitante, divertente e ricca di palle gol. Merito di tutto ciò del Rione Pace. Al 9’ Punizione a spiovere verso il secondo palo dove c’è Piccioni che tocca di testa mettendo sul fondo. Al 21’ Morbidoni calcia dal limite. Sinistro indirizzato sotto il “sette” ma Messi è fantastico nel volare e nel toccare con la punta delle dita per spedire in angolo. Al 25’ solito scatto dell’imprendibile Morbidoni (mister Bonifazi sposta Paciaroni a sinistra per limitarlo ma non basterà) che entra in area e tenta il pallonetto su Messi in uscita. Tocco debole e sbagliato che il portiere ospite ferma. Al 27’ Piccioni inventa un tiro cross da sinistra che si stampa sul palo opposto. Palla ripresa da Morbidoni che da pochi passi batte rasoterra con la punta del piede destro. Grande risposta in tuffo di Messi che ha un riflesso felino. Al 33’ conclusione dalla lunga distanza dei maceratesi con pallone che spiove andando a toccare la parte superiore della traversa. Al 36’ lo scatenato Morbidoni si fa luce e calcia dal limite. Rasoterra che lambisce il montante. Sono davvero tante le opportunità create e non sfruttate dal Rione Pace che comincia a pensare che la porta avversaria sia stregata e proprio in questo frangente ecco arrivare il gol decisivo. Minuto 40. Morbidoni entra nei 16 metri e calcia. Messi si tuffa e smanaccia il tiro. La palla si alza finendo nella zona del liberissimo Piccioni che tocca comodamente di testa nella porta vuota. 1-0. Malgrado abbia raggiunto l’obiettivo il Rione Pace non si ferma. Al 43’ Messi anticipa di giustezza Piccioni davanti alla porta. Il pallone schizza verso Margherita che calcia a botta sicura. Vittorini sulla linea salva un gol che pareva già fatto. Due minuti dopo, e sarà l’ultima azione del match, il Serralta tenta un assalto disperato. L’arbitro vede e assegna una punizione dal limite per fallo di mano di un difensore rossoblù. Capitan Gheroni si incarica della battuta. Destro morbido sopra la barriera. Giacomelli è attento e pronto al tuffo per deviare la palla. Sarebbe stata una vera beffa per i locali che invece la scampano e conservano tre punti preziosi. Il tabellino. RIONE PACE – SERRALTA 1-0 MARCATORI: 85’ Piccioni RIONE PACE: Giacomelli, Lucentini, Centioni(83’ Aliberti), Gigli, Russi, Liberini, Poloni, Serrani, Piccioni, Morbidoni, Salvucci(61’ Margherita). A disp. Stura, Torresi, Berozzi, Corsalini, Tartuferi. All. Montenovo SERRALTA: Messi, Paciaroni, Vittorini, Elisei, Gheroni, Meschini(70’ Governatori Gobbi), Rossi, Renzi, De Maria, Broglia(59’ Morgana), Giorgi(62’ Moscatelli). A disp. Baruni, Magnapane, La Torre, Zagaglia. All. Bonifazi ARBITRO: Accorroni di Jesi NOTE: spett. 40 circa. Ammoniti: Messi, Paciaroni. Angoli: 4-1. Recupero: st 3’. Roberto Pellegrino

Centro Medico Blu Gallery